Baschirotto sprinta. Pani mette la freccia

FIATO SOSPESO 03 giu 2021
Francesco Baschirotto in azione con il CaldieroNicola Del PapaNicolò RighettiLuca ScarsettoLorenzo Pinamonte Francesco Baschirotto in azione con il CaldieroNicola Del PapaNicolò RighettiLuca ScarsettoLorenzo Pinamonte

L’undicesima edizione del Pallone d’oro volge al termine. Esce oggi, infatti, la penultima classifica settimanale, in vista del conclusivo round di raccolta che determinerà la graduatoria finale. Tantissime sorprese, per ogni categoria, dalle Next generation delle Promesse d’oro, argento e bronzo, ai Campioni del passato. Pioggia di voti consegnati in redazione, per un conteggio che supera i 500mila punti settimanali.

Promesse d’oro. Francesco Baschirotto ha ingranato la quinta, consegnando più di quarantamila voti in un’unica sessione e, di fatto, vincendo anche i trecento punti extra: il laterale classe 2000 conduce la classifica riservata a Serie D ed Eccellenza con 60.957 punti. Derby casalingo per il Caldiero: al secondo posto, a 31.500, vi è il talentuoso portiere gialloverde Lorenzo Aldegheri, che proverà il colpaccio all’ultimo giro di boa, nonostante i ventimila punti di differenza dal compagno di squadra. Recchia del Valgatara scivola al quinto posto: davanti a lui balzano Martino Ciriaci, al terzo, con 17.444, Nicolò Righetti, dell’Ambrosiana, con un exploit di diciassettemila punti.

Promesse d’argento. Montagne russe per la categoria riservata a Promozione e Prima categoria: Paolo Pani mette la freccia e torna in pole position, a quota 31.811. Passa perciò in seconda posizione Giacomo Castelli, centrocampista in forza all’Alba Borgo Roma, che tallona l’estremo difensore del Povegliano a 25.365. Torna in auge anche Andrea Carbonari, del Pozzo, che passa dall’ottava alla terza posizione, con 22.572 punti. Rimane in zona podio Luca Scarsetto, terzino classe 2000 del Concordia, a quota 17.608. Si avvicinano Mori (Lugagnano), Fenner (Peschiera) e Mainente (Zevio).

Promesse di bronzo. Manuel Astro vuole a tutti costi il primo posto: il giovanissimo centrale del Bardolino prova la fuga, portando in settimana più di quarantasettemila voti, per un totale di 97.793. Sarà dura per Leonardo Santi, classe 2003 dell’Intrepida, stargli dietro: il talentino occupa la seconda posizione, a quota 58.016. Chiude il podio, momentaneamente, Nicola Del Papa, a 56.498. Il trequartista dell’Ares farebbe bene a guardarsi alle spalle: Enrico Pizzigallo, del San Zeno, non sta a guardare, tallonando a quota 51.601. Seguono, agguerriti, Matteo Mazzotti del Caprino, a 37.339 e Davide Cerpelloni, dell’Avesa, a 29.176.

Campione del passato. Volata finale al cardiopalma anche per la categoria riservata alle «vecchie glorie». Rimane in prima posizione Nicola Tosi: l’ex diez, bandiera di Juventina, Ares e Porto San Pancrazio mantiene la testa della classifica a quota 116.300. Alle sue spalle, a sorpresa, fa un gran balzo Andrea Allegri. La bandiera del Peschiera scavalca Cenzon, portandosi a quota 103.224 e, di fatto, strappando anche i 300 punti settimanali. Al terzo gradino ecco Lorenzo Pinamonte: il re del lago guadagna una posizione, per un totale di 67.291 voti. Dietro, la bandiera dell’Intrepida, Fabio Cenzon, a 58.016. Alle loro spalle Gandini, Pasinato e Braioni si mantengono in zona podio. Punti social. Anche il web può rivelarsi un ottimo mezzo per accumulare voti. Luca Scarsetto brucia nuovamente la concorrenza: è ancora il suo reel a portare a casa 300 punti extra, segnalati opportunamente in classifica. Il terzino del Concordia vince infatti per la terza volta il bonus social, con un totale di 163 like settimanali.•.