di Nicolò Vincenzi

Pallone d’oro, il primo tagliando e le nomination

Primo appuntamento della sfida per le categorie Next Generation e vintage che si concluderà il 4 giugno 08 mar 2021
È arrivato il momento di riaprire le urne È arrivato il momento di riaprire le urne

Finalmente il conto alla rovescia è finito: oggi si comincia. Il primo tagliando del nuovo corso del Pallone d’oro forever lo troverete sul giornale in edicola domattina. Varrà un punto e sarà il primo di una lunga serie. Una sfida di oltre tre mesi che ci accompagnerà fino alle porte dell’estate (l’ultimo coupon è previsto per venerdì 4 giugno). Come sapete l’edizione 2021 sarà diversa, e per questo innovativa, rispetto a quelle degli anni precedenti: si dividerà in due categorie ben precise.

 

GIOVANISSIMI. La prima è tutta dedicata ai giovanissimi. E cioè: ragazzi nati dal 2000 – compreso – in poi a patto che siano nel giro della prima squadra da qualche tempo. Considerando che la maledetta pandemia ha bloccato, soprattutto nelle categorie minori, gran parte della stagione scorsa e praticamente tutta quella relativa agli anni 2020 e 2021 significa essere nel giro che conta da almeno due, tre anni. Sarà quindi una gara a suon di coupon ma che ci porterà a scoprire i talenti in erba, magari che sono ancora nascosti e pronti ad esplodere, delle società scaligere. Su L’Arena di sabato, nelle due pagine dedicate proprio al concorso, abbiamo svelato tutti quanti i partecipanti. Ma non è detto che siano solo loro a concorrere. È qui, infatti, che entra di nuovo in gioco la cosiddetta wild card: arma in mano alle società per poter inserire, anche a gara già avviata, nuovi nomi in grado di contendersi la vittoria finale.

 

NEXT GENERATION. A fianco dei giovani, la Next Generation, la novità riguarda la sfumatura vintage che avrà il Pallone d’oro 21. Parliamo di vecchie glorie del calcio, uomini che hanno segnato le fortune, che sia per gol, carisma, prodezze, delle squadre veronesi. Si tratta di bandiere, maestri. Anche qui, come per i ragazzi under 21, c’è un paletto ed è diametralmente apposto: i concorrenti che le squadre hanno fornito nei giorni scorsi dovevano necessariamente aver appeso gli scarpini al chiodo. Per il resto poco cambia, parlando sempre della sfida della Next Generation, perché le categorie restano le stesse di sempre. A sfidarsi per il Pallone d’oro saranno i calciatori che militano nei campionati di Serie D ed Eccellenza – fresca, per altro, dell’annuncio della ripresa dei campionati a meno di ulteriori sorprese negative – mentre per il Pallone d’argento ci saranno i calciatori di Promozione e Prima categoria. Chiude, ma non meno importante, il Pallone di bronzo con i ragazzi di Seconda e Terza categoria. E domani, ufficialmente, il cammino ha inizio. •

Contenuti correlati