di Andrea Marchiori

Cipriani, esordio top: sette gol da titolare «E ora alzo l'asticella»

PALLONE DI BRONZO 25 mag 2022

Una stagione da ricordare per Matteo Cipriani, difensore classe 2002 in forza al Sant'Anna d'Alfaedo: debutto in categoria, conquista del posto da titolare e la bellezza di sette gol messi a segno. «Sono terzino ma quest'anno ho fatto anche l'esterno di centrocampo», esordisce, «mi piace muovermi senza pallone, lanciarmi negli spazi per ricevere le imbucate dei compagni». Tra le caratteristiche principali del classe 2002 velocità, fisico e tanta resistenza, condite da un fiuto non indifferente per il gol. «Il mio idolo? Sono milanista, quindi è facile citare Theo Hernandez, lo osservo molto». Cipriani cresce nel Real Grezzana arrivando agli Juniores, fino alla chiamata del Sant'Anna che lo lancia per la prima volta tra i grandi. Cipriani viene schierato alla prima partita in Coppa e non esce più dal campo per il resto della stagione: «Ho avuto l'opportunità di partire subito, poi evidentemente ho fatto colpo sul mister e non ho più saltato una partita». Stagione di debutto da ricordare per Matteo che, oltre ad essersi preso la titolarità, ha messo a segno ben 7 reti stagionali: un numero che desta parecchia curiosità, vista la giovane età del difensore. «Bellissima stagione», prosegue, «non mi è mai successo di segnare così tanti gol, agli Juniores mi chiedevano più attenzione difensiva, quest'anno volevo di più da me stesso, l'adrenalina mi ha aiutato e mi sono venute parecchie cose in campo». L'ambiente Sant'Anna ha senza dubbio influito nella rapida crescita del difensore: «Il gruppo è bellissimo, mi ha accolto alla grande. In spogliatoio siamo tanto amici, quando funziona tutto le cose si riflettono in campo e così ci siamo meritati la salvezza». Futuro ancora da decidere per Matteo che vive la situazione serenamente: «Devo ancora parlare, forse farò un'altra stagione qua come mi consigliano i veterani, vedremo, sono tranquillo». L'obiettivo di Cipriani, neanche a dirlo, è migliorarsi di anno in anno: «Voglio alzare l'asticella e lavorare sulla mia tecnica, ho tanto da imparare ed è uno dei miei obiettivi principali», ammette il giovane calciatore. Curiosità: una vecchia conoscenza di Matteo occupa il momentaneo podio dell'argento: «Conosco Orfeini, ci ho giocato insieme. È un bell'animale, come me ha una passione smisurata per il calcio», sentenzia, ridendo, Cipriani. La nomination al Pallone di bronzo all'interno del contest ideato dal quotidiano L'Arena è stata una piacevole sorpresa per Matteo, come conferma lui stesso: «Me l'ha riferito una mia amica che, leggendo L'Arena, mi ha mandato una foto: per me è stato emozionante, non mi aspettavo nell'anno di debutto di finire nella lista dei migliori giocatori». .