di Flavio Pasetto

Zamboni è infinito «Ritiro? Io rilancio: giocare è stupendo»

IL PERSONAGGIO 27 mag 2022
Marco Zamboni Marco Zamboni

Prende stimolo dal passaggio in Promozione del suo Pedemonte per proseguire a 45 anni, il prossimo dicembre, la sua carriera calcistica tra i dilettanti. Marco Zamboni, centrale di difesa della formazione del Valpolicella chiarisce: «Godo ancora della voglia di continuare a giocare perché non sento il peso degli anni che avanzano. Il passaggio del Pedemonte in Promozione, poi, mi ha ulteriormente caricato, stimolato e convinto ad andare avanti».

Aver superato gli... anta non dunque scalfisce anche psicologicamente le sicurezze di un tempo?
Rispondo no, perché a convincermi è proprio il raffronto-confronto con i giovani che mi trovo accanto. Potrebbero essere addirittura i miei figli più che compagni di squadra: ne ho due della stessa età. Ed, allora, perché sprecare e banalizzare le esperienze che tu puoi garantir loro?

Perché non pensa, invece, al ruolo di allenatore?
Finché riesco a reggere l’aspetto agonistico continuerò a cimentarmi in quello che riesco a fare ancora meglio. Spero solo di poter essere accettato e di far parte ancora del Pedemonte perché è un gruppo di persone meravigliose, una società che ha dimostrato di voler crescere e ho avuto dei compagni di squadra che ritengo meravigliosi. Circa il momento di passare dal ruolo di giocatore a quello di allenatore non è ancora arrivato il mio momento. È certo che giocare rappresenta una cosa diversa e voglio divertirmi così.

Quindi esclude un futuro da tecnico?
Mai dire mai. Non metto ipoteche perché ho visto altri ex compagni professionisti che non avrei mai pensato potessero abbracciare questo tipo di attività: da Simone Inzaghi a Stellone a Muzzi, mentre, Italiano, già da giocatore, mostrava quel carisma che l’avrebbe indirizzato, poi, verso quella carriera. Il mio intento, è decisamente un altro perché mi diverto tanto a dare il mio contributo in campo. Quindi ribadisco, non so quanto andrò ancora avanti, mi auguro che il fisico tenga perchè la voglia è intatta. •.